Attività

Presentazione del fascicolo monografico su Stefano D'Arrigo

Saranno Andrea Cedola e Franco Contorbia a presentare - giovedì 6 giugno, alle ore 17.30, presso la Sala Ferri, a Palazzo Strozzi (Firenze) - il fascicolo monografico di maggio 2019 del mensile «la Biblioteca di via Senato», dedicato a Stefano D'Arrigo (1919-1992), nel centenario della nascita. Il Gabinetto G.P. Vieusseux (che ha l'onore di conservare i manoscritti di D'Arrigo) e la Fondazione Biblioteca di via Senato intendono così ricordare il grande scrittore siciliano, autore di quell'Horcynus Orca (Milano, Mondadori, 1975) da alcuni ritenuto uno fra i romanzi più significativi del Novecento.

L'evento sarà introdotto da Gloria Manghetti (direttrice del Gabinetto Vieusseux) e da Gianluca Montinaro (direttore della Biblioteca di via Senato)

Uno numero speciale monografico (a foliazione più ampia) dedicato a Stefano D’Arrigo (1919-1992), nella ricorrenza del centenario della nascita. Così la Fondazione Biblioteca di via Senato, con il suo mensile di bibliofilia e storia delle idee «la Biblioteca di via Senato», ricorda Il fascicolo, al quale sono stati invitati a collaborare tutti i più noti studiosi di D'Arrigo, si apre con un saggio di Walter Pedullà,Tutta la terra in una goccia di mare, al quale fanno seguito testi di Siriana Sgavicchia, Francesco Marroni, Emilio Giordano, Giancarlo Alfano, Gloria Manghetti, Ambra Carta, Dario Tomasello, Gualberto Alvino, Silvio Perrella, Antonio Castronuovo, Sandro Montalto. Sia la misteriosa figura di D'Arrigo, sia i suoi libri e le loro complesse vicende editoriali sono raccontati e analizzati da molteplici punti di vista, gettando nuova luce su uno degli autori più 'particolari' - e meno conosciuti - della letteratura italiana del secolo scorso.

Scarica il fascicolo monografico su Stefano D'Arrigo

Scarica invito in pdf

 

Presentazione dei primi due volumi della “Piccola Biblioteca Umanistica”. Firenze, mercoledì 15 maggio, ore 16

La Fondazione Biblioteca di via Senato, insieme alla Biblioteca Marucelliana e alla casa editrice Leo S. Olschki, ha il piacere di invitarLa alla presentazione dei primi due volumi della "Piccola Biblioteca Umanistica", collana di studi della Biblioteca di via Senato, stampata presso l'editore Leo S. Olschki, che si terrà mercoledì 15 maggio, alle ore 16, a Firenze, presso la Biblioteca Marucelliana (via Cavour, 43). Introdotti da Luca Bellingeri (direttore delle biblioteche Marucelliana e Nazionale), saranno Marco Vannini (studioso di mistica e teologia), Piero Scapecchi (incunabolista e storico del libro) e Gianluca Montinaro (direttore della Biblioteca di via Senato e della collana "Piccola Biblioteca Umanistica"), a discutere e confrontarsi sui due personaggi protagonisti di questi due volumi: Aldo Manuzio, il padre dell'editoria, e Martin Lutero, il frate 'ribelle' fautore della riforma protestante.

Indagare le idee del passato, gettando luce sul pensiero del presente. Questo il proposito della "Piccola Biblioteca Umanistica", collana della Biblioteca di via Senato, istituzione milanese attiva - da oltre vent'anni - nel panorama culturale nazionale. Da sempre attenta all'universo del libro antico, tanto come prezioso 'oggetto estetico' quanto come denso 'contenitore di concetti', la Biblioteca di via Senato intende, attraverso i volumi di questa collana (che, di volta in volta, saranno raccolte di saggi o monografie), affrontare e narrare, senza pregiudizi, la battaglia delle idee che ha suscitato e nei secoli accompagnato il farsi della civiltà europea occidentale, in un continuo, serrato confronto - senza innocenti - fra tensione utopica e sinistro dispotismo, fra assoluta libertà e torva violenza. Ma c'è di più. Questa collana, che vuole essere agile nel formato, scientifica nelle esposizioni, chiara nel linguaggio, elegante nelle proporzioni (tentando, quindi, di riprendere in toto gli insegnamenti del primo editore umanista, il celebre Aldo Manuzio), ha un'ambizione ulteriore: stabilire una continuità ideale tra le humanae litterae quattrocentesche e il variegato mondo delle odierne scienze umane. Nella convinzione che sia sempre il pensiero critico a far crescere spiritualmente l'individuo e a migliorare il consesso umano nel quale tutti noi viviamo (ulteriori informazioni sulla collana e sui suoi volumi sono rintracciabili sulle pagine dedicate del sito www.bibliotecadiviasenato.it).

Scarica invito in pdf

Ai nostri lettori segnaliamo anche un'iniziativa che vedrà protagonista Giancarlo Petrella, uno dei collaboratori più assidui del mensile «la Biblioteca di via Senato». Lunedì 13, alle ore 16.30, si terrà, presso la Biblioteca Ambrosiana (piazza Pio XI, Milano) la presentazione della sua ultima monografia: L'impresa tipografica di Battista Farfengo a Brescia (Firenze, Olschki, 2019).

Scarica invito in pdf

Presentazione dei primi due volumi della “Piccola Biblioteca Umanistica”. Pesaro, giovedì 9 maggio, ore 18

La Fondazione Biblioteca di via Senato e la Libreria Il Catalogo hanno il piacere di invitarLa alla presentazione dei primi due volumi della "Piccola Biblioteca Umanistica", collana di studi della Biblioteca di via Senato, stampata presso l'editore Leo S. Olschki, che si terrà giovedì 9 maggio, alle ore 18, a Pesaro, presso i locali della Libreria (via Castelfidardo, 60). Saranno Gianluigi Armaroli (giornalista del TG 5) e Marcello Di Bella (già direttore delle biblioteche Gambalunghiana di Rimini e Oliveriana di Pesaro), insieme a Gianluca Montinaro (che introdurrà e illustrerà il progetto della collana), a discutere e confrontarsi sui due personaggi protagonisti di questi due volumi: Aldo Manuzio, il padre dell'editoria, e Martin Lutero, il frate 'ribelle' fautore della riforma protestante.

Indagare le idee del passato, gettando luce sul pensiero del presente. Questo il proposito della "Piccola Biblioteca Umanistica", collana della Biblioteca di via Senato, istituzione milanese attiva - da oltre vent'anni - nel panorama culturale nazionale. Da sempre attenta all'universo del libro antico, tanto come prezioso 'oggetto estetico' quanto come denso 'contenitore di concetti', la Biblioteca di via Senato intende, attraverso i volumi di questa collana (che, di volta in volta, saranno raccolte di saggi o monografie), affrontare e narrare, senza pregiudizi, la battaglia delle idee che ha suscitato e nei secoli accompagnato il farsi della civiltà europea occidentale, in un continuo, serrato confronto - senza innocenti - fra tensione utopica e sinistro dispotismo, fra assoluta libertà e torva violenza. Ma c'è di più. Questa collana, che vuole essere agile nel formato, scientifica nelle esposizioni, chiara nel linguaggio, elegante nelle proporzioni (tentando, quindi, di riprendere in toto gli insegnamenti del primo editore umanista, il celebre Aldo Manuzio), ha un'ambizione ulteriore: stabilire una continuità ideale tra le humanae litterae quattrocentesche e il variegato mondo delle odierne scienze umane. Nella convinzione che sia sempre il pensiero critico a far crescere spiritualmente l'individuo e a migliorare il consesso umano nel quale tutti noi viviamo (ulteriori informazioni sulla collana e sui suoi volumi sono rintracciabili sulle pagine dedicate del sito www.bibliotecadiviasenato.it).

Scarica invito in pdf

Presentazione dei primi due volumi della “Piccola Biblioteca Umanistica”. Milano, lunedì 6 maggio, ore 18

La Fondazione Biblioteca di via Senato presenterà i primi due volumi della "Piccola Biblioteca Umanistica", collana di studi della Biblioteca di via Senato, stampata presso l'editore Leo S. Olschki, lunedì 6 maggio, alle ore 18, a Milano, presso i locali della Biblioteca (via Senato, 14). Saranno Giancarlo Petrella (docente di Bibliografia e Biblioteconomia presso l'Università di Napoli "Federico II") e Antonio Castronuovo, insieme a Gianluca Montinaro (che introdurrà e illustrerà il progetto della collana), a discutere e confrontarsi sui due personaggi protagonisti di questi due volumi: Aldo Manuzio, il padre dell'editoria, e Martin Lutero, il frate 'ribelle' fautore della riforma protestante.

Indagare le idee del passato, gettando luce sul pensiero del presente. Questo il proposito della "Piccola Biblioteca Umanistica", collana della Biblioteca di via Senato, istituzione milanese attiva - da oltre vent'anni - nel panorama culturale nazionale. Da sempre attenta all'universo del libro antico, tanto come prezioso 'oggetto estetico' quanto come denso 'contenitore di concetti', la Biblioteca di via Senato intende, attraverso i volumi di questa collana (che, di volta in volta, saranno raccolte di saggi o monografie), affrontare e narrare, senza pregiudizi, la battaglia delle idee che ha suscitato e nei secoli accompagnato il farsi della civiltà europea occidentale, in un continuo, serrato confronto - senza innocenti - fra tensione utopica e sinistro dispotismo, fra assoluta libertà e torva violenza. Ma c'è di più. Questa collana, che vuole essere agile nel formato, scientifica nelle esposizioni, chiara nel linguaggio, elegante nelle proporzioni (tentando, quindi, di riprendere in toto gli insegnamenti del primo editore umanista, il celebre Aldo Manuzio), ha un'ambizione ulteriore: stabilire una continuità ideale tra le humanae litterae quattrocentesche e il variegato mondo delle odierne scienze umane. Nella convinzione che sia sempre il pensiero critico a far crescere spiritualmente l'individuo e a migliorare il consesso umano nel quale tutti noi viviamo (ulteriori informazioni sulla collana e sui suoi volumi sono rintracciabili sulle pagine dedicate del sito www.bibliotecadiviasenato.it).

Scarica invito in pdf

Presentazione del fascicolo di aprile de «la Biblioteca di via Senato». Faenza, giovedì 2 maggio, ore 18

La Fondazione Biblioteca di via Senato, unitamente al Comune di Faenza, alla Biblioteca Manfrediana e al Liceo Torricelli - Ballardini, presenterà il fascicolo di aprile de «la Biblioteca di via Senato» giovedì 2 maggio, alle ore 18, a Faenza, presso l'auditorium del Liceo Classico Torricelli - Ballardini (via Santa Maria dell’Angelo, 1). Nell'occasione il professor Stefano Drei - insieme a Massimo Isola, Simona Sangiorgi, Daniela Simonini e Gianluca Montinaro - parlerà su La biblioteca ritrovata. Storie e leggende di una 'libraria' gesuitica.

A coloro che desiderano ricevere a casa «la Biblioteca di via Senato» ricordiamo che è necessario attivare il servizio di abbonamento annuale, al prezzo di 50 euro (tutte le informazione sono rintracciabili su questo sito www.bibliotecadiviasenato.it e nella pagina di gerenza della rivista), fermo restando che la pubblicazione continua a essere leggibile e scaricabile - in modo del tutto gratuito - in formato pdf. Informiamo anche i nostri lettori che è attiva la pagina ufficiale della Biblioteca di via Senato su Facebook. Invitiamo tutti a visitarla e a iscriversi: un ulteriore mezzo per essere informati in tempo reale su tutte le nostre attività.

Scarica invito in pdf

La Fondazione Biblioteca di via Senato è un’Istituzione culturale nata nel 1997, con sede in via Senato, nel pieno centro di Milano.

Le sue raccolte librarie, a oggi, ammontano a circa centomila volumi, suddivisi in Fondi. Fra le molteplici attività promosse si segnalano la pubblicazione del mensile di bibliofilia e storia delle idee «la Biblioteca di via Senato» e la collana "Piccola Biblioteca Umanistica" (stampata in collaborazione con l'editore Olschki).